BIO

Barbara Barni è sceneggiatrice e regista.Il suo primo lungometraggio (1992) ‘Il piacere delle carni’- con  Ricard  Erwin Sammel

e Memè Perlini fotografia di Renato Tafuri ha ricevuto il Premio Cinema Democratico come ‘Migliore Sceneggiatura’ ed è  stato scelto dalla SACIS, per rappresentare il cinema italiano in vari festival internazionali, in Polonia,Argentina, Cecoslovacchia, Sudamerica.

La sua opera seconda ‘Il compagno americano’ (2002)è stato finalista al Premio Solinas.Una commedia ambientata nella

Cinecittà degli anni ’40, con Hug O’Connor (Chocolat),Nancy Brilli,Giulio Base,fotografia di Ennio Guarnieri, scenografia di Marco Dentici.

Dopo l’uscita nelle sale ha girato vari festival fra cui Festival Annency Cinema Italien 2003;Festival du Film Italien de  Villereput 2003 ;Festival Internazionale di Cinema e Donne di Firenze 2003;Festival La Fiera delle Dame-81° Foire Internazionale de Marseille.Film inserito nel circuito‘Centocitta’,iniziativa di Cinecittà Holding che promuove cinema europeo di qualita’.Ambedue i film sono stati riconosciuti di identità culturale italiana e sono stati realizzati con il contributo del MIBAC.

Ha lavorato in Rai come autrice e documentarista collaborando anche con Enzo Biagi in ‘Storia d’Italia a fumetti’.

Ha realizzato, come autrice e regista,  video istituzionali  per il Dipartimento della Gioventù,Regione Lazio,Azione ProvinceGiovani.

Come docente ha tenuto corsi di sceneggiatura e un laboratorio di cinema documentario naturalistico alla Sabina Universitas di Rieti.

La sua sceneggiatura Le Frecce del Tempo (titolo attuale Bell’s Theorem) sulla poetessa russa Marina Cvetaeva è entrata nella triade dei finalisti del Concorso ‘Cinema For Friendship’ indetto dalla casa di produzione moscovita MosFilm.

E'autrice della sceneggiatura 'Genius Loci' scritta con Micol Conti e finanziata dal MIBAC. 

Direttore artistico della rassegna 'I mestieri del Cinema'

Recensioni

Rassegna stampa